Main Nav

Toolbar Menu

Comunicati stampa

Website Notice Block

Il Consiglio di Amministrazione di Safilo Group S.P.A. approva i risultati del primo semestre 2011

02/08/11

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI SAFILO GROUP S.P.A.
APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2011

Principali dati (in milioni di euro):

Vendite nette:
· 302,6 nel secondo trimestre 2011, +2,8% (+10,5% a perimetro e cambi costanti)

· 603,3 nel primo semestre 2011, +4,0% (+7,8% a perimetro e cambi costanti)

EBITDA:
· 39,5 nel secondo trimestre 2011 (13,1% delle vendite), +30,9%

· 80,2 nel primo semestre 2011 (13,3% delle vendite), +23,8%

Utile operativo:
· 30,5 nel secondo trimestre 2011 (10,1% delle vendite), +48,3%

· 61,9 nel primo semestre 2011 (10,3% delle vendite), +38,5%

Risultato netto:
· 12,9 nel secondo trimestre 2011 (4,3% delle vendite), rispetto 
alla perdita netta di 5,0 nel secondo trimestre 2010
· 31,3 nel primo semestre 2011 (5,2% delle vendite), rispetto alla perdita netta di 3,3 nel primo semestre 2010

Debito netto:
· 240,3 a fine giugno 2011, rispetto a 268,2 a fine marzo 2011
 e a 269,4 a fine giugno 2010
· Rapporto Debito netto /EBITDA a 1,95x rispetto al precedente 2,4x

Padova, 2 agosto 2011, ore 17.45 – Il Consiglio di Amministrazione di Safilo Group S.p.A. ha esaminato e approvato oggi i risultati del secondo trimestre e primo semestre 2011.

Nel secondo trimestre 2011, il Gruppo ha registrato un’accelerazione nei trend di crescita organica, mettendo a segno un incremento dei ricavi a doppia cifra e un sostanziale miglioramento della redditività.

In particolare, nel periodo:

  • Le vendite nette sono aumentate del 10,5% a perimetro1 e cambi costanti, performance determinata dal forte incremento registrato dal business nei principali paesi ad alto tasso di crescita in Asia e America Latina, dalle favorevoli condizioni di mercato negli Stati Uniti e dal miglioramento della performance dei paesi europei;
  • L’EBITDA e l’utile operativo sono cresciuti rispettivamente del 30,9% e del 48,3% grazie al miglioramento dell’utile industriale lordo e alla progressiva minor incidenza delle spese di vendita, generali e amministrative nel business wholesale, così come a livello di negozi a gestione diretta. Sotto la linea operativa, il risultato netto di Gruppo ha continuato a beneficiare dei minori costi finanziari e di un più contenuto tax rate;
  • A fine giugno, il debito netto di Gruppo è sceso sia rispetto alla fine del trimestre precedente, sia rispetto a fine giugno 2010, grazie alla buona redditività del trimestre e alla forte attenzione riservata alla gestione del capitale circolante.


Roberto Vedovotto, Amministratore Delegato del Gruppo Safilo, ha affermato:

“Siamo soddisfatti dell’ulteriore crescita messa a segno dal nostro business durante il secondo trimestre di quest’anno, soprattutto perché la buona performance della top line è stata accompagnata da un miglioramento ancora più significativo della marginalità di Gruppo.

L’ulteriore accelerazione registrata nel periodo dai mercati emergenti è un’importante testimonianza della qualità della nostra offerta commerciale e di prodotto, che dobbiamo continuare a rafforzare attraverso un lavoro dinamico su tutti i nostri top brand in licenza così come sul nostro marchio Carrera.
Siamo, inoltre, soddisfatti del consolidamento dei trend nei principali grandi mercati come gli Stati Uniti e del miglioramento del business registrato in molti mercati europei.

La marginalità di Gruppo ha registrato forti incrementi a tutti i livelli del conto economico, superando di gran lunga i tassi di crescita delle vendite, grazie alla buona qualità dei ricavi e a una struttura di costi operativi e finanziari più efficiente.

Questi risultati trimestrali ci hanno permesso di chiudere il primo semestre dell’anno con un nuovo record in termini di leva finanziaria che nel rapporto tra debito netto e EBITDA è scesa a fine giugno sotto 2.0x.

Nel periodo, abbiamo inoltre continuato a sviluppare tutte le aree di business, con risultati confortanti rispetto agli obiettivi prefissati. Abbiamo altresì continuato nell’azione di riduzione degli oneri finanziari di Gruppo attraverso il rimborso anticipato di 60 milioni di euro di obbligazioni Safilo Capital International 95/8% 5/2013.

Siamo consapevoli che il contesto economico e di business in cui operiamo è ancora caratterizzato da numerose incertezze e per questo rimaniamo focalizzati nel percorso che ci vede impegnati nel miglioramento costante e sostenibile dei fondamentali di business ed economici del Gruppo.”


Principali dati economico-finanziari del Gruppo

Nel secondo trimestre 2011, le vendite nette del Gruppo sono aumentate del 2,8%, attestandosi a 302,6 milioni di euro, pesantemente impattate dalla svalutazione del dollaro americano nei confronti dell’euro.
A perimetro1 e cambi costanti, il Gruppo ha messo a segno una crescita organica delle vendite del 10,5%.
Nel primo semestre 2011, le vendite nette si sono attestate a 603,3 milioni di euro, facendo registrare un incremento rispetto allo stesso periodo 2010 del 4,0%. La crescita è stata complessivamente del 7,8% a perimetro1 e cambi costanti.

Nel secondo trimestre 2011, il canale wholesale ha registrato un fatturato di 282,3 milioni di euro, in crescita del 5,0% a cambi correnti e del 10,3% a cambi costanti (268,9 milioni di euro nel secondo trimestre 2010). Alla performance organica del trimestre, in crescita a doppia cifra, hanno contribuito in maniera similare le vendite degli occhiali da sole e delle montature da vista, queste ultime in forte incremento anche nei mercati più maturi.
Questa performance si è tradotta in una crescita del core business, nel primo semestre dell’anno, del 5,7% a cambi correnti e del 7,4% a cambi costanti (566,8 milioni di euro rispetto ai 536,4 milioni di euro del primo semestre 2010).

Le vendite totali di Gruppo hanno continuato a essere impattate dalla contrazione del business retail (-20,1% a 20,3 milioni di euro nel secondo trimestre 2011, -16,9% a 36,5 milioni di euro nel primo semestre 2011), a seguito della vendita della catena di negozi in Messico, avvenuta a fine 2010.
A perimetro1 e cambi costanti, il business retail è cresciuto del 12,1% e del 14,9%, rispettivamente nel secondo trimestre e nel primo semestre 2011, grazie alla buona performance dei negozi a gestione diretta Solstice negli Stati Uniti.

A livello di area geografica, nel secondo trimestre 2011, i ricavi registrati nel mercato americano hanno subito una contrazione del 6,7% a 114,3 milioni di euro, dovuta alla forte svalutazione del dollaro americano.
La performance sottostante dell’area è rimasta invece molto positiva, a + 8,7% a perimetro1 e cambi costanti, spinta dalla continua accelerazione dei mercati latino-americani, dove il Gruppo sta rafforzando la propria presenza organizzativa e commerciale.
Il trend è stato altresì positivo nel mercato statunitense - soprattutto nel canale degli ottici indipendenti - grazie al costante progresso delle vendite delle collezioni dei principali top brand del Gruppo così come alla continua espansione dell’house brand Carrera.
Nel primo semestre 2011, le vendite nel mercato americano si sono attestate a 233,0 milioni di euro, in leggero calo dello 0,6% a cambi correnti e in crescita dell’8,9% a perimetro1 e cambi costanti.

Le vendite in Europa hanno raggiunto i 131,7 milioni di euro, nel secondo trimestre 2011, mettendo in evidenza una crescita del 9,3% rispetto allo stesso trimestre 2010. L’andamento del business è stato generalmente positivo in tutti i principali mercati dell’area, dove la crescita delle grandi catene organizzate sta contribuendo al miglioramento anche di quei paesi che evidenziano una maggiore debolezza economica, come l’Italia e la Spagna.
In particolare, l’area dei nuovi mercati - rappresentata da Russia, Turchia e i paesi dell’Est Europa - ha continuato a registrare tassi di crescita molto elevati.
Nel primo semestre 2011, le vendite in Europa si sono attestate a 261,8 milioni di euro, in crescita del 5,3% rispetto ai 248,7 milioni di euro registrati nel primo semestre 2010.

L’Asia ha più che confermato i forti trend di espansione evidenziati nei precedenti trimestri, con Cina, Hong Kong, Corea, India e i Duty Free che hanno registrato le performance più dinamiche.
Gli acquisti degli occhiali di alta gamma dei top brand in licenza hanno continuato a rappresentare il principale motore di sviluppo del business nell’area, a cui si è comunque affiancata la crescente dinamicità e spinta sui prodotti Carrera, così come su altre linee del portafoglio marchi.
Nel secondo trimestre 2011, le vendite in Asia sono state pari a 52,6 milioni di euro, in crescita del 9,4% a cambi correnti e del 17,3% a cambi costanti. Alla fine del primo semestre 2011, il mercato asiatico rappresentava il 16,6% delle vendite totali del Gruppo (99,9 milioni di euro, +12,1% a cambi correnti e +14,6% a cambi costanti).

Il margine lordo industriale è stato pari a 181,3 milioni di euro nel secondo trimestre 2011, attestandosi al 59,9% delle vendite e aumentando in termini assoluti del 4,8% rispetto ai 172,9 milioni di euro (58,8% delle vendite) registrati nel secondo trimestre 2010. Il miglioramento della marginalità, di 110 punti base, è da attribuire al maggior utilizzo della capacità produttiva interna grazie alla crescita dei volumi dei top brand, alla più alta qualità dei prodotti in stock e ad un mix più favorevole.
Nel primo semestre 2011, il margine lordo industriale si è attestato a 364,3 milioni di euro rispetto ai 346,5 milioni di euro del primo semestre 2010. La marginalità industriale lorda è aumentata al 60,4% delle vendite dal 59,7% dello stesso periodo 2010.

L’utile operativo (EBIT) ha raggiunto i 30,5 milioni di euro nel secondo trimestre 2011, mettendo a segno una crescita del 48,3% rispetto ai 20,6 milioni del secondo trimestre 2010. La redditività operativa del periodo è migliorata al 10,1% delle vendite (7,0% nel secondo trimestre 2010), grazie al risultato raggiunto a livello di margine industriale lordo e ad una struttura di costi wholesale più efficiente sia nell’area delle spese di vendita e marketing che in quella dei costi generali e amministrativi.

Il business retail, che è oggi costituito esclusivamente dalla catena di negozi Solstice negli Stati Uniti, ha migliorato considerevolmente la propria redditività operativa, contribuendo, all’incremento del margine operativo di Gruppo.
Nel primo semestre 2011, l’utile operativo del Gruppo si è attestato a 61,9 milioni di euro, in crescita del 38,5% rispetto ai 44,7 milioni di euro registrati nel primo semestre 2010. La marginalità operativa è aumentata al 10,3% delle vendite rispetto al 7,7% dello stesso periodo 2010.

L’EBITDA è risultato pari a 39,5 milioni di euro nel secondo trimestre 2011, in aumento del 30,9% rispetto ai 30,2 milioni di euro registrati nel secondo trimestre 2010. Il margine EBITDA ha raggiunto il 13,1% delle vendite, in crescita di 290 punti base rispetto al margine del 10,2% dello stesso trimestre 2010.
Nel primo semestre 2011, l’EBITDA ha raggiunto 80,2 milioni di euro, facendo registrare un incremento del 23,8% rispetto ai 64,8 milioni di euro del primo semestre 2010. Il margine è salito al 13,3% delle vendite dall’11,2% dello stesso periodo 2010.

L’utile netto di Gruppo si è attestato a 12,9 milioni di euro rispetto alla perdita di 5,0 milioni di euro registrata nel secondo trimestre 2010. Il risultato netto di Gruppo ha beneficiato anche del continuo calo degli oneri finanziari netti dovuto alla riduzione dell’indebitamento finanziario medio, dell’impatto positivo dei differenziali cambio, così come del miglior tax rate del periodo.
Nel primo semestre 2011, l’utile netto di Gruppo è stato pari a 31,3 milioni di euro, rispetto alla perdita di 3,3 milioni di euro fatta segnare nel primo semestre 2010.

Principali dati di rendiconto finanziario

Nel primo semestre 2011, il Free Cash Flow è risultato positivo per 22,6 milioni di euro rispetto ad una generazione di cassa pari a 51,9 milioni di euro nel primo semestre 2010.
Nel secondo trimestre 2011, il Gruppo ha generato un flusso di cassa positivo per 29,4 milioni di euro (48,8 milioni di euro nel secondo trimestre 2010), grazie ai seguenti fattori:

  • il risultato positivo del periodo;
  • la gestione attenta del capitale circolante, soprattutto sul fronte dello stock. Nel periodo, il livello dei magazzini è rimasto infatti sotto controllo, in calo nonostante la buona crescita del business.

Alla fine di giugno 2011, l’incidenza del capitale circolante netto sulle vendite degli ultimi 12 mesi è scesa al 26,6% dal 30,0% di giugno 2010;

  • lo stabile flusso monetario per attività di investimento, che nel secondo trimestre 2011 è stato pari a 5,5 milioni di euro rispetto a 4,5 milioni di euro del secondo trimestre 2010.

L’indebitamento netto a giugno 2011 è stato pari a 240,3 milioni di euro, in calo sia rispetto ai 268,2 milioni di euro registrati a marzo 2011 che ai 269,4 milioni di giugno 2010.
La leva finanziaria (Debito netto/EBITDA degli ultimi 12 mesi) è scesa, alla fine del periodo, sotto 2,0x (1,95x rispetto a 2,4x del precedente trimestre).

Evoluzione prevedibile della gestione
Il Gruppo, dopo aver raggiunto un considerevole miglioramento della performance economico-finanziaria nel primo semestre dell’anno, resta concentrato sui progetti di sviluppo e miglioramento. Al tempo stesso rimane cauto sulle prospettive dell’anno in corso anche alla luce degli scenari macroeconomici incerti, in particolare nell’area europea e nordamericana.

..........................................

1 Escludendo la catena retail in Messico, ceduta a fine 2010, che aveva registrato vendite di 5,2 milioni di euro nel secondo trimestre 2010 e un totale di 10,3 milioni di euro nel primo semestre 2010.

Per vedere il contenuto completo del comunicato, apri il file PDF .


© 2009-2020 Safilo Group S.p.A. - P.IVA 03032950242. Riproduzione vietata.

Legal Nav

Accessibilità | Legal Disclaimer | Privacy Policy